Real Sasso, Ottaviano volta pagina: “Vogliamo squadra da primato”

ROCCARAINOLA (Saverio Quatrano) – Il Real Sasso, ha concluso il suo campionato di seconda categoria al quinto posto con  45 punti, ma per via dei dieci punti di differenza dall’Hispanika seconda in classifica, la formazione di mister Lucania non ha potuto disputare  gli spareggi play off. La formazione di Sasso, dopo aver disputato un ottimo girone d’andata lottando a pieno merito per il primato in classifica, si è ritrovata a fronteggiare lo spiacevole episodio dell’aggressione al direttore di gara Santaniello da parte di alcuni tesserati del Real Sasso nel match Salvatore De Judicibus- Real Sasso. Il Real Sasso oltre ad aver subito la sconfitta a tavolino di quel match, è stato anche penalizzato in classifica di due punti: ed è proprio per quei due punti di penalizzazione, che la formazione di Sasso non ha potuto disputare i play off. A commentare la stagione del Real Sasso è il direttore sportivo Vincenzo Ottaviano.

 Come giudica il campionato della sua squadra?

Il nostro campionato è partito come sempre con le solite difficoltà strutturali, visto che Roccarainola non ha un impianto  per ospitare partite di calcio, ma devo ringraziare l’interessamento del sindaco di Roccarainola De Simone che ci ha fornito un contributo economico per disputare le gare interne allo stadio comunale di Comiziano e al Magnotti di Cicciano. Dal punto di vista sportivo noi siamo partiti per essere competitivi ma non certo per vincere il campionato.  Abbiamo iniziato alla grande conducendo un campionato sempre al vertice, andando anche ad espugnare il campo del Casamarciano con una prestazione superlativa. Insomma fino a quella dolorosa e ormai famosa partita con a Mugnano del Cardinale col Salvatore De Judicibus, il nostro campionato stava procedendo ben oltre le nostre aspettative”.

Quanto fa male pensare di aver perso tutto il lavoro di un anno, per l’episodio di Mugano del Cardinale?

“Di quella dolorosa partita, già ne abbiamo parlato e come già fatto più volte, anche ora colgo l’occasione per scusarmi dell’increscioso episodio. Detto ciò, ci aspettavamo un comportamento diverso da chi doveva giudicare l’accaduto: anche l’arbitro ha avuto un atteggiamento non propriamente corretto.  Con questo non giustifico i miei due tesserati (Cavezza e Infante, nda), ma mi aspettavo una sanzione diversa da parte di chi doveva giudicare.  Purtroppo è stato squalificato anche il nostro tesserato De Lucia, che come abbiamo più volte dichiarato non era presente al momento della rissa: per lui ci aspettiamo l’annullamento totale della squalifica”.

Sul campo il Casamarciano ha vinto il campionato. A suo avviso è stata una vittoria meritata?

“Faccio i complimenti  al Casamarciano che ha vinto il campionato, e allo stesso tempo siamo orgogliosi di aver battuto per ben due volte in campionato la squadra che poi ha primeggiato. Voglio congratularmi anche ad un nostro compaesano Alessandro Miele, che si è battuto con la maglia del Casamarciano riuscendo ad ottenere questo grande successo”.

Quali sono i programmi per la prossima stagione?

“In primis stiamo pennellando lo staff tecnico con nuovi innesti e sponsorizzazioni. Si ripartirà da me in qualità di direttore sportivo e dal mister Lucania: il nostro obiettivo è rimodellare la rosa senza stravolgerla ma cercando di acquistare sul mercato giocatori mirati. La nostra intenzione è quella di esprimere un bel calcio e di confermarci tra le squadre protagoniste del torneo: poi è normale che l’appetito vien mangiando”.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online