Camorra, sequestrati beni a vertice clan Fabbrocino

A seguito di complessa attività di indagine di natura patrimoniale, tesa all’aggressione dei patrimoni di mafia, personale della Sezione Misure di Prevenzione Patrimoniali della Divisione Anticrimine di questa Questura ha dato esecuzione al decreto di sequestro beni emesso dal Tribunale di Napoli–Sezione Misure di Prevenzione, ai sensi della normativa antimafia, nei confronti di B.S. 53enne di San Giuseppe Vesuviano. L’uomo è considerato elemento di spicco del clan Fabbrocino.  Il tribunale ha disposto il sequestro di  beni mobili e societari, risultati nella disponibilità del B.S. e dei suoi congiunti; beni sottoposti a sequestro in ragione dell’accertata sperequazione tra ricchezza accumulata ed entità di redditi dichiarati dagli intestatari: – Totalità delle quote e patrimonio aziendale di una srl con sede legale in San Giuseppe Vesuviano, operante nelle attività di produzione e commercio all’ingrosso ed al dettaglio, sia in Italia che all’estero di tessuti, articoli di vestiario ed attività di lavanderia e tintoria per la produzione industriale di capi di abbigliamento – Conto corrente bancario acceso presso il Banco di Napoli agenzia di Terzigno – Quote sociali ( pari al 49 % del capitale sociale) di una società con sede legale in San Giuseppe Vesuviano, operante nella trasformazione di tessuti in genere, nel commercio all’ingrosso ed al dettaglio di articoli di abbigliamento, calzature, casalinghi, accessori ed altro. – 2 autoveicoli Il valore complessivo dei beni posti sotto sequestro ammonta a circa 250 mila euro.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online