Duemilauno anni fa Augusto moriva apud Nolam

NOLA- Morì il 19 agosto del 14 dopo Cristo. Duemilauno anni fa Gaio Giulio Cesare Ottaviano Augusto, primo imperatore romano, morì “apud Nolam”. In quella che è l’attuale città? Non si sa ancora, capitelli rivenuti in scuole elementari piazzollesi e scavi giapponesi in presunte ville augustee di Somma Vesuviana generano confusione. Di certo l’imperatore nato a Roma il 23 settembre del 63 a.C. era “di casa” nelle nostre terre. Ed oggi Nola lo commemora con una strada (via Ottaviano Augusto) ed una statua. Le cronache raccontano che Augusto morì presso Nola “pacificamente” (le ipotesi di avvelenamento sinora non sono state suffragate da prove storicamente certe) durante un viaggio in Campania. Il suo impero è legato ad una vera e propria svolta politica (passaggio da repubblica a principato) per Roma e ad una serie di importanti riforme introdotte. Come la riforma delle magistrature. La ricostruzione della classe politica ed aristocratica, il riordino delle amministrazioni provinciali, la valorizzazione dell’Urbe, la ricostruzione del tessuto economico. A Nola, città svuotata dalle ferie, non si segnalano celebrazioni ufficiali. 

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online