Gori annulla le partite pregresse, via alla nuova rateizzazione

bolletta_pregresse1NOLA-  Arrivano le bollette Gori con cui si annullano le ‘partite pregresse’. In questi giorni la società che gestisce il servizio idrico integrato sta inviando ai propri utenti le fatturazioni con cui annulla il pagamento degli arretrati. Nella bolletta, in alto, è specificato che la fattura non riguarda il consumo idrico ma è una “Nota di credito” per il “Recupero delle partite pregresse ante 2012”. Nella bolletta l’importo dovuto compare- come mostra la nostra foto- un meno perché la somma viene ‘scalata’ dall’importo totale. La Gori, d’accordo con l’Ente d’Ambito Sarnese vesuviano, ha infatti stabilito che le partite pregresse saranno spalmate in questo modo:  10% dell’importo complessivo nel 2015, 30% nel 2016, 30% nel 2017 e 30% nel 2018. A questa ripartizione si è arrivati dopo mesi di proteste e tira e molla che hanno coinvolto anche i sindaci oltre che le associazioni.

Come si ricorderà, la questione degli arretrati Gori è nata nell’ autunno 2014 quando agli utenti sono giunte fatture in cui si chiedeva il pagamento di partite pregresse precedenti il 2012. Si tratta, ha poi spiegato la stessa società, di “recuperi tariffari relativi agli anni 2006 – 2011, che si sono accumulati nel corso del tempo a causa dell’inadeguatezza delle tariffe deliberate in passato dall’Assemblea dell’Ente d’Ambito Sarnese Vesuviano. In pratica, le tariffe deliberate dall’Ente d’Ambito e applicate da Gori in quegli anni non assicuravano la copertura dei costi di gestione, con la conseguenza che l’azienda ha maturato un significativo credito. L’importo dei recuperi è stato deliberato dall’Ente d’Ambito già nell’ottobre 2012”. Proprio in quella data, i sindaci dell’Ato votarono in massa (o quasi) quella delibera. C’erano anche i sindaci del Nolano, tranne quello di Roccarainola, Casamarciano, Scisciano e Palma Campania che non erano presenti.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online