Basket, Cap Nola: buona la prima, Afragola va ko

NOLA – Un PalaMerliani gremito esulta alla prima vittoria del Cap Nola. All’esordio casalingo, il team guidato da coach Grandebatte la neopromossa Afragola. “Un inizio frizzante il nostro – afferma Esposito , guardia nolana – abbiamo spinto come il coach voleva, si sono aperti varchi grazie ai quali abbiamo inferto agli ospiti inizialmente duri colpi. Poi ci siamo rilassati permettendo all’Afragola di recuperare terreno.Ma abbiamo tenuto i nervi saldi , abbiamo retto sino alla fine portando a casa la vittoria: due punti con cui iniziamo al meglio la stagione”. Il Cap Nola schiera i suoi five-starters : Confessore, Mbay,Passacantilli , De Feo , Esposito. Inizio scoppiettante per la formazione di casa che parte forte . Duri in difesa e spietati in attacco. Esposito in gran forma silura il muro difensivo avversario. 22 – 10 alla fine del 1° quarto. Rotazione sulla panchina locale ma la musica non cambia. A metà gara i nolani chiudono col punteggio di 42 a 25. Dopo la pausa lunga, il team avversario si desta. Inizia a macinare punti in attacco. La prova di Cortese D. , capocannoniere della serie D della stagione passata, è esemplare. 31 punti e migliore in campo tra i suoi. L’afragolese prende per mano la propria squadra che fino a quel momento pareva frastornata ed inizia ad imbucare la difesa locale. Il quarto si chiude sul 63-45. Gara semichiusa? No di certo. I bruniani si rilassano, inizia la rimonta avversaria. Canestro su canestro, la solidità del vantaggio viene meno. La gara si fa nervosa. Confessore, pivot bruniano, si fa espellere a seguito di una reazione ad uno stimolo avversario.  Il team allenato da Maiello si inizia a fare sotto, segna 24 punti a dispetto dei 13 subiti. Ma il fischio finale recita + 7 : 76 – 69. Ottimo l’inizio di gara per i locali che hanno dimostrato le potenzialità di una squadra che , rispetto allo scorso anno, ha ceduto Azan, pedina importante degli schemi passati, ed ha acquistato velocità e potenza con i nuovi arrivi Passacantilli e Mbay. Il quarto tempo da dimenticare. Complice la stanchezza e la rilassatezza dovuta ad un buon vantaggio accumulato. Meriti anche agli ospiti. Un’Afragola, new entry in questo campionato, che non ha mollato mai ed ha sempre creduto nel recupero. Sontuosa la prova di Cortese che , da solo, realizza quasi la metà dei punti afragolesi. “La prossima gara sarà a Forio – chiude Esposito – La stessa squadra che abbiamo affrontato nella finale playoff e nella finale coppa Campania dello scorso anno. Una bella sfida ci attende”.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online