Nola, arbitri incontreranno dirigenti e tecnici. No ai social per i direttori di gara “tifosi”

NOLA (Saverio Quatrano) – Promossi e premiati. Gli arbitri della sezione Aia di Nola ieri hanno vissuto una serata celebrativa del loro impegno e dei loro risultati agonistici. Quei professionisti che si sono distinti per gli obiettivi raggiunti ottenendo il salto di categoria, hanno ricevuto dei riconoscimenti nel corso della prima riunione tecnica obbligatoria del biennio 2015/2016. La novità fondamentale della nuova stagione arbitrale è che la sezione di Nola ha deciso di coinvolgere anche i dirigenti e i tecnici delle squadre locali, sia di calcio che di futsal nell’incontro-raduno di ieri coordinato dallo storico presidente della sezione Severino Vitale. Durante l’incontro l’idea proposta dal tecnico di calcio a 5 Nello Lauro per “incontrasi e confrontarsi” non una volta all’anno ma tutte le settimane” è stata accolta con entusiasmo da tutti gli organi della sezione. Ad inizio riunione è intervenuto il prete anti-camorra Don Aniello Manganiello, che in quel di Scampia è presidente della squadra di calcio Oratorio Don Guanella, formazione che disputa il campionato regionale di promozione. Don Aniello ha portato il suo messaggio distensivo a tutti gli arbitri della sezione, soffermandosi sui sani valori dello sport ed in particolare del calcio “come aggregatore sociale straordinario”. Il presidente Severino Vitale ha anche ricordato ai direttori di gara che da quest’anno entrerà in vigore un codice etico che, tra i vari punti, prevede il divieto per i “ fischietti” di manifestare le proprie simpatie o antipatie nei confronti di una squadra di calcio sui social network . Tra gli ospiti di eccezione, anche Carmine Russo, ormai presenza fissa della serie A, che da quest’anno sarà anche il responsabile tecnico della sezione di Nola. Per Russo, a proposito di etica, “ la qualità dell’arbitro non si giudica solo dal singolo episodio ma dall’atteggiamento che si assume dal momento in cui si arriva allo stadio fin quando non si fa ritorno a casa”. La riunione, che ha unito la programmazione a legittimi momenti celebrativi, si è conclusa con una sorpresa per il presidente Vitale, omaggiato dagli iscritti con un ritratto ed una dedica come ringraziamento per il lavoro svolto per la crescita del team arbitrale di Nola.

 

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online