Casa vacanze trasformata in casa a luci rosse, professionisti pagavano 50 euro a prestazione sessuale

NAPOLI – Sui vari siti internet era pubblicizzata come casa vacanze ma, veniva usata come casa d’appuntamento per incontri con donne e transessuali di nazionalità straniera. A scoprirlo sono stati gli agenti del commissariato di polizia “S. Ferdinando” che, a seguito d’indagini, sono riusciti a risalire al proprietario dell’immobile, nonché all’affittuario,portando alla luce a quanto realmente accadeva all’interno di quell’abitazione,  al 2° piano di via del Parco Margherita. L’abitazione, ubicata in posizione discreta e tranquilla, era frequentata da professionisti di ogni settore che, dietro corrispettivo di 50 euro, consumavano rapporti sessuali. I servizi di osservazione della Polizia, prima dell’irruzione nell’appartamento, avevano acclarato uno strano andirivieni di persone. Identificati dalla Polizia una donna ed un transessuale, entrambi di nazionalità peruviana. Denunciato in stato di libertà, perché responsabile dei reati di sfruttamento e favoreggiamento alla prostituzione, l’affittuario dell’immobile. I poliziotti hanno sequestrato l’appartamento.

 

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online