Cicciano, lo “strano” rimpasto: le giunte Arvonio diventano…due

ciccianogiuntaCICCIANO (Nello Lauro) – Rimpasto o rivoluzione “truccata”? Ore e riunioni frenetiche per la giunta guidata dal sindaco Raffaele Arvonio. A due anni dalle elezioni, secondo un accordo interno alla maggioranza, ci dovrebbe essere la rotazione degli assessorati. Tante le voci che si rincorrono in queste ultime ore con un quadro non ancora chiaro e un’intesa non ancora raggiunta. La proposta al vaglio sarebbe quella di “trasformare” gli attuali assessori (Annalisa Casoria, Giovanni Corrado, Maria De Riggi, Gennaro D’Avanzo e Nicola Dell’Anno) in “semplici” consiglieri comunali con le stesse deleghe. Percorso inverso per il presidente del civico consesso Antonio Amato (per il suo posto si fa il nome del vicesindaco Maria De Riggi), il capogruppo Aniello Pizza e i consiglieri Lucia Marotta, Antonio Ardolino e Antonio Casoria. Per ora dal sito istituzionale del comune sono spariti i nomi degli assessori. Bocche cucite dall’amministrazione ma sembra che non tutti siano d’accordo su questa soluzione anche perché sarebbe difficile fare proposte in giunta in particolari settori come, per esempio, i Lavori pubblici, l’Urbanistica e il Bilancio. Difficile se non impossibile vedere una situazione analoga in altre amministrazioni con tre settori chiave tenuti fuori dall’organo esecutivo dell’ente (la giunta). Niente di illegale, per carità, ma senza dubbio insolito. Del resto lo spirito di conservazione è umano, basta guardare la foto del sito istituzionale del Comune in cui domina ancora la foto dell’ex piazza Mazzini con i pini abbattuti.

Print Friendly, PDF & Email



This site is protected by wp-copyrightpro.com