Il premio Clemente De Rosa va a due studenti di Nola e Tufino

ROCCARAINOLA – Si è svolta con successo e nel segno della memoria la prima edizione del premio dedicato a Clemente De Rosa, il ventenne di Roccarainola scomparso tragicamente tre anni fa, a soli venti anni, a seguito di un incidente stradale. Nella sala consiliare del Comune di Rocca sono stati consegnati i premi del concorso destinato a studenti delle scuole medie di primo e secondo grado. Ai giovanissimi partecipanti era stato chiesto di scrivere un racconto o un testo sulle proprie aspettative e le proprie passioni. Gli elaborati considerati migliori sono stati quelli scritti da Felice Lanzaro della V C dell’Isis “Albertini” di Nola e da Giuseppe Albanese della III B dell’istituto comprensivo “Morelli e Silvati” di Roccarainola. Ai due ragazzi, che l’hanno spuntata tra decine di scritti arrivati dalla provincia di Napoli, è andata una borsa di studio. Il “Primo Premio Clemente De Rosa” è stato voluto ed organizzato dalla famiglia di Clemente che dal giorno della sua scomparsa ne tiene vivo il ricordo di giovane impegnato, sensibile, amante della cultura e della radio, artista che stava sbocciando proprio quando la morte ha deciso di renderne immortale i sogni e quelle passioni senza le quali, lo scriveva lo stesso Clemente sul suo blog- diario, la vita sarebbe “orribile”. Alla famiglia un contributo essenziale è stato dato dall’associazione “L’incontro” guidata dal presidente Aniello Miele e dal Comune che ha patrocinato l’evento. “Questo concorso letterario- afferma Luigi De Rosa, padre di Clemente- è nato al fine di perpetuare il ricordo di Clemente, ma soprattutto di stimolare i ragazzi, farli appassionare. Attraverso queste iniziative, come quella di costruire un pozzo in Costa d’Avori, di intitolare una stella o di premiare studenti, cerco solamente ed esclusivamente di lasciare una traccia di Clemente, perché sono sicuro che lui lo avrebbe fatto se ne avesse avuto la responsabilità”.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online