Cosparge di benzina e brucia viva la compagna, 38enne arrestato

MADDALONI- Cosparse di benzina la convivente dandole poi fuoco con un accendino. Una storia di degrado e violenza quella che arriva da San Felice a Cancello dove una donna khazaka di 38 anni ha rischiato la vita per il gesto folle del compagno, un algerino arrestato oggi dai carabinieri su ordine della Procura di Santa Maria Capua Vetere. I fatti si sono svolti lo scorso 8 dicembre in una casa diroccata a San Felice a Cancello; nel tugurio si è consumata la lite tra i due conclusa da Rachid Sais Bach con il tentativo di dar fuoco ed ardere viva la donna. Quest’ultima ha riportato ferite da ustioni sul 60% del corpo ed è ancora ricoverata. Dopo quasi due mesi di indagini la Procura ha disposto l’arresto dell’algerino, peraltro in Italia senza permesso di soggiorno, che è stato accusato di tentato omicidio. Le condizioni della sua vittima sono in netto miglioramento. Proprio ieri in Campania si è consumata una storia simile: Paolo Pietropaolo, 40enne di Pozzuoli, è stato arrestato dopo avere arso viva la compagna Carla che aspettava una figlia da lui. La bimba è stata fatta nascere in anticipo dai medici del Cardarelli, la giovane lotta ancora per restare in vita. Due mondi diversi, due storie di violenza identiche.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com