Roccarainola, operai senza stipendio salgono su alberi per protesta

ROCCARAINOLA. Senza stipendio da tre mesi. Mutuo da pagare, spese per raggiungere ogni giorno la foresta incantata. Ma di fantastico in questa vicenda c’è poco. Ieri mattina un gruppo di operai, tutti residenti tra Roccarainola, Camposano e Nola, impiegati alla foresta demaniale e al vivaio tra i più belli della Campania con le sue oltre 100mila piante,  si sono arrampicati sugli alberi secolari per protestare contro il mancato pagamento dello stipendio. “E’ da dicembre che non veniamo pagati – dicono i dipendenti (sono 15  in totale) – e dalla Regione arrivano solo annunci. Avevano detto già 15 giorni fa che tutto sarebbe stato risolto ma non è cambiato niente. Ci sono sempre disagi e non è la prima volta che siamo costretti ad aspettare dei mesi per ricevere il salario. Noi non chiediamo la luna ma solo i nostri diritti, solo l’ordinario per poter sopravvivere con le nostre famiglie: così non possiamo andare avanti anche perché bollette e tasse non aspettano la burocrazia e le promesse”.  Sul posto in località Fossa Agnone sono arrivati anche gli agenti del corpo forestale dello stato di Roccarainola, i carabinieri della locale stazione e il sindaco di Roccarainola Raffaele De Simone che, dopo la rassicurazione da parte dei vertici regionali sull’impegno nel versare le mensilità arretrate, è riuscito a far scendere dagli alberi gli operai, che avevano anche annunciato lo sciopero della fame. “Speriamo che tutto vada per il meglio – dicono i lavoratori – siamo davvero esasperati e preoccupati, noi abbiamo bisogno che lo stipendio ci arrivi regolarmente ogni mese per poter vivere dignitosamente. E siamo pronti ancora a protestare se non ci verranno riconosciuti i nostri diritti”.

operai_roccarainola operai_roccarainola2 operai_roccarainola3

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online