Barista uccisa e buttata in fosso, un fermo: forse fu torturata

MELITA- Sarà l’autopsia, prevista nei prossimi giorni, a chiarire se Giovanna Arrivoli – la donna di 41 anni in procinto di cambiare sesso trovata senza vita, semisepolta, lunedì scorso a Melito- sia stata torturata prima di essere uccisa con tre colpi di pistola. I carabinieri hanno fermato un uomo, accusato dell’occultamento del cadavere. Ad incastrarlo ci sarebbero le impronte digitali trovate su alcuni attrezzi usati per scavare il fosso dove è stato gettato il corpo. Secondo gli investigatori la donna era legata al clan Amato-Pagano. La sua scomparsa, risalente allo scorso 6 maggio, è stata denunciata dalla sua compagna. Il suo omicidio, infine, secondo una delle piste seguite dagli inquirenti, potrebbe essere riconducibile a una partita di droga non saldata. (ANSA).

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online