Fondo Luigi Vecchione, donati oltre diecimila volumi alla città di Nola

NOLA –  Sono circa diecimila i volumi destinati al “Fondo Luigi Vecchione” che andranno ad arricchire il patrimonio librario del Comune di Nola. Testi inediti ed editi curati negli anni da Luigi Vecchione, il mecenate nolano scomparso nel giugno 2014, che ripercorrono la storia della città che diede i natali al filosofo Giordano Bruno. E proprio a Bruno è ispirata buona parte dei ‘lavori letterari’ oltre ad opere incentrate sulla vita di san Felice, san Paolino e sulla millenaria tradizione della Festa dei Gigli con riferimenti specifici anche ad episodi inerenti la storia dell’Italia meridionale. E poi ancora una sezione interamente dedicata all’arte in tutte le sue più variegate sfaccettature. Un patrimonio culturale immenso donato alla città di Nola dalla famiglia Vecchione e ‘rilevati’ dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Geremia Biancardi con delibera di giunta su proposta dell’assessore alla cultura Cinzia Trinchese, che si aggiunge ai cinquemila testi già acquisiti nel 2005 dall’ente di piazza Duomo. Il “Fondo Vecchione” sarà inaugurato alle 18:30 di domani, venerdì 13 maggio, nei locali al secondo piano della biblioteca comunale di corso Tommaso Vitale. “Un’eredità culturale di valore inestimabile – ha dichiarato l’assessore ai beni culturali Cinzia Trinchese – che racchiude pagine di storia locale e nazionale e che vuole essere, ed è, un atto d’amore nei confronti della città.  Luigi Vecchione, esempio culturale per le nuove generazioni che da oggi potranno usufruire di una collezione immensa fatta di arte, storia e tradizione”. “Un polo librario museale dal grande prestigio che dà valore alla storia – ha dichiarato il sindaco Geremia Biancardi – e che tramanda tradizioni, usi, costumi o anche semplici aneddoti indispensabili per l’identificazione di un popolo”. L’appuntamento si inserisce nell’ambito del ‘Maggio dei monumenti’ promosso dall’assessorato alla cultura. Sabato 14 spazio all’arte con la mostra ‘Phren freni’ a cura di F. Giraldi, M. Mautone, G. Duro, M. Ricciardi e B. Gaglione mentre domenica 15 visita guidata alla Villa romana di via Saccaccio.

 

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online