Tutor A16, centinaia di ricorsi contro il limite di 80 km orari

BAIANO- Almeno duecento ricorsi contro le rilevazioni di velocità del tutor sulla A16. Il dispositivo installato a fine marzo nella tratta tra Baiano ed Avellino Ovest sta già scatenando legali ed associazioni di consumatori che in queste settimane hanno già depositato centinaia di ricorsi contro le multe recapitate ad automobilisti che hanno superato il limite di 80 km orari lungo la Napoli- Canosa, su un tratto interessato negli ultimi mesi da tanti incidenti. Il limite di 80 km orari è considerato troppo basso per avvocati e consumatori che promettono battaglia nelle aule del giudice di pace per l’annullamento delle sanzioni (pari a oltre 150 euro più tre punti patente decurtati). I ricorsi sinora presentati riguardano centinaia di automobilisti da tutte le province della Campania, alcuni raggiunti da più multe in un breve giro di tempo. Uno stillicidio economico non indifferente, cui le associazioni di consumatori cercano di porre un freno attraverso le azioni legali. Ma il tutor tra Baiano e Avellino Ovest è stato installato, non bisogna dimenticarlo, dopo gli incidenti che nel corso dell’estate scorsa hanno insanguinato un tratto di autostrada su cui si spinge sin troppo l’acceleratore.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online