Voto di scambio, indagate due candidate del Partito democratico

NAPOLI- Due  donne sono  indagate dalla procura di Napoli con l’ipotesi di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione elettorale. Si tratta di Anna Ulleto, candidata Pd al Consiglio comunale, e di Rosaria Giugliano, candidata per la municipalità Mercato-Pendino, nel centro storico di Napoli. La Ulleto ha ottenuto circa 2.200 voti e quindi sarebbe risultata quasi certamente eletta (l’attribuzione dei seggi avverrà solo dopo il ballottaggio alla luce dell’eventuale premio di maggioranza se uno dei due candidati superasse il 60 per cento). Nella stessa giornata di ieri è stato eseguitodai carabinieri un decreto di perquisizione nell’abitazione delle due donne e nelle sedi elettorali delle stesse.  L’ipotesi investigativa, secondo quanto ha appreso l’Ansa, è che i due candidati possano aver acquisito voti in cambio di promesse di inserimento nel programma lavorativo Garanzia Giovani, finanziato dalla Regione.   “La magistratura faccia chiarezza sugli episodi contestati, senza sconti per nessuno e per il ripristino della legalità violata”. Lo ha detto Venanzio Carpentieri, segretario metropolitano del Pd di Napoli, commentando le perquisizioni delle forze dell’ordine nei confronti di due candidate del Pd alle amministrative di domenica scorsa.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com