Distretti turistici, Sommese: “Nolano escluso, Franceschini riapra termini”

NOLA- “Il decreto del ministro Franceschini con cui ha istituito 3 nuovi distretti (Cilento- Sele-Tanagro e Vallo di Diano, Alta Irpinia, Pompei-Monti Lattari-Valle del Sarno) ampliandone un altro (Atargatis-Costa Vesuvio, con i comuni di Trecase e Boscotrecase) è un atto che condividiamo, perchè innesca in queste aree occasioni importanti per gli investimenti, dalla burocrazia zero agli incentivi e alle agevolazioni fiscali. Ma non basta”. Così Pasquale Sommese, presidente della IV Commissione Speciale della Regione Campania e forte sostenitore della legge durante il periodo alla guida dell’assessorato regionale al Turismo e Beni culturali. “Ci sono dei territori della Campania, di grande attrazione archeologica, culturale e paesaggistica, che sono attualmente fuori da queste possibilità. Mi riferisco al Nolano-Vesuviano-Acerrano, alla Bassa Irpinia, ad alcune zone del Casertano e del Beneventano. Rivolgo un appello al ministro Franceschini, da sempre molto sensibile su questi temi, affinchè riapra di nuovo i termini per dare alle imprese, ai vari livelli istituzionali e a tutti coloro a vario titolo interessati, la possibilità di recuperare i ritardi di questi mesi e di predisporre gli opportuni progetti per consentire ai territori di usufruire di questa straordinaria opportunità”, conclude Sommese. (IlVelino)

Print Friendly, PDF & Email