Roccarainola, M5s si mobilita per la Foresta demaniale

ROCCARAINOLA- Il Movimento Cinque Stelle si mobilita per la Foresta demaniale di Roccarainola. Il consigliere regionale pentastellato Gennaro Sacello sarà con gli attivisti del M5s di Rocca per discutere della situazione del sito di interesse comunitario più importante dell’area nolana. Una foresta incantata che copre tre province e preserva, tra le fronde dei suoi alberi, decine di specie animali e volatili anche protette e una flora tipicamente mediterranea. L’argomento è all’attenzione del partito di Grillo non solo per la necessità di tutelare il più possibile la foresta, soprattutto garantendo che possa essere aperta con continuità per fare pure da volano alla economia locale, ma anche per la situazione dei suoi operai che da tempo ricevono a singhiozzo lo stipendio e più volte hanno protestato. Sacello sarà a Rocca, presso la foresta, domenica 17 luglio alle 10,30 presso l’ingresso di via Veccio.

COS’E’ LA FORESTA DEMANIALE–  Situata nel comune di  Roccarainola, all’interno del territorio dell’antica Abella, è da sempre un’area di incontro di diversi popoli e culture. La foresta spazia su 900 ettari incontaminati suddivisi in 13 percorsi ed ha 100mila piante come boschi di castagni e ontani napoletani cui si aggiungono il cerro, la roverella, il leccio e il carpino, che, assieme a rosmarino, lentisco, rosa canina e ginestra, la tipica macchia mediterranea, costituiscono la componente vegetale dominante. Ad altezze superiori si incontrano anche il nocciolo selvatico e il faggio, con esemplari vecchi di 300 anni, a riprova delle ottime condizioni dell’ecosistema della foresta.

All’ombra degli alberi, nascosti dalle felci e dai cespugli di biancospino, trovano rifugio il tasso e il riccio, la volpe e il cinghiale, che condividono la foresta assieme alla vipera e alla biscia e ad una grande varietà di uccelli (con 9 specie protette), tra cui si distinguono alcuni esemplari di poiana e una colonia di falchi pellegrini che vive isolata sul Monte Fellino. Alla Foresta demaniale di Roccarainola appartiene anche il Vivaio Costa Grande, importante sito per la coltivazione di essenze da destinare al rimboschimento e alla salvaguardia della biodiversità delle specie vegetali regionali. Ogni anno vi vengono prodotte circa 100mila piante, che vanno a costituire una grande risorsa ambientale utilizzata per il ripristino della flora locale.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online