Ucciso perché scambiato per un altro: 2 arresti dopo 18 anni

TORRE DEL GRECO- Ucciso per un errore di persona, dopo 18 anni vengono arrestati i presunti autori dell’omicidio. Antonio Scognamiglio e Sebastiano Tutti, entrambi di Torre del Greco, sono stati arrestati su ordine della direzione distrettuale antimafia per concorso in omicidio premeditato, porto e detenzione di armi, ricettazione, aggravati dalle finalità mafiose. Secondo gli inquirenti sarennero i responsabili (ideatore ed esecutore) dell’omicidio di Vincenzo Cardone avvenuto il 26 settembre del 1998. Il ventiseienne fu ucciso per un fatale errore di persona, era estraneo alle logiche criminali, ma fu scambiato per un pregiudicato del posto che i due volevano uccidere per vendicare il fatto che avesse dato appoggio ai killer del fratello di Tutti. Cardone assomigliava alla vittima, poco prima gli aveva prestato il suo motorino e frequentava la stessa caffetteria: tutti particolari che indussero nel tragico errore i killer che gli spararono proprio mentre era alla guida del motorino che il reale obiettivo dell’agguato gli aveva restituito. Un caso risolto dopo 18 anni anche per la totale assenza di testimoni: nessuno, nonostante ci fossero tanti avventori e passanti, raccontò di aver visto qualcosa.

 

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com