Puglia (M5s): “Pd unico responsabile del disastro Leucopetra”

“Il Pd unico responsabile del disastro Leucopetra” La denuncia del senatore Puglia e del gruppo M5S: “L’ex sindaco si preoccupava di mettere le mani nei sacchetti, ma non di esigere la tassa sui rifiuti”
“Gli affondi del Partito democratico su Leucopetra si sono rivelati un boomerang che gli si è già ritorto contro. Un buco di 40 milioni nelle casse dell’azienda dei rifiuti non può imputarsi alla sola, sia pur malandata, gestione della giunta Marrone. È evidente che un tale disastro abbia radici ben più profonde, che affondano nella scellerata amministrazione del Pd”. E’ quanto dichiarano il senatore del Movimento 5 Stelle, Sergio Puglia, e gli attivisti del gruppo M5S Portici.
“Già in campagna elettorale – sottolineano Puglia e gli attivisti M5S – il Movimento 5 Stelle denunciò una gestione del settore rifiuti per nulla oculata e destinata a trascinare l’azienda e il Comune verso il dissesto. Nel nostro programma proponemmo, inoltre, di ottimizzare le risorse in esubero, destinandole a opere di giardinaggio e pulizia di spiagge e litorale, servizi questi affidati dall’amministrazione Pd a ditte esterne, in nome di chissà quale contrattazione e con un’inutile spesa di denaro pubblico. Oggi i veri artefici di questo disastro provano, senza riuscirci, a scaricare altrove responsabilità che non possono che essere attribuite a loro stessi. Una storia che si ripete. A Livorno 20 anni di clientele e incapacità amministrativa, targata Pd, hanno portato all’azienda per la raccolta rifiuti un buco di bilancio superiore ai 20 milioni. Lo stesso partito del premier Renzi a Roma ha portato l’Ama sull’orlo del fallimento. A Portici il dramma sfiora il ridicolo. Le politiche sui rifiuti hanno puntato, infatti, ad accendere i riflettori sul sindaco Cuomo, che scendeva in strada di notte alla testa di uno squadrone di vigili per mettere le mani nei sacchetti e smascherare il condomino che aveva gettato via la lattina nel giorno in cui si ritira l’umido, mentre oltre il 30% dei residenti evadeva la Tari e la Presidenza del Consiglio dei Ministri gli faceva recapitare una diffida per il mancato pagamento del servizio rifiuti nel periodo compreso tra il dicembre 2005 e il dicembre 2009”.
“Il Gruppo M5S Portici del Movimento 5 Stelle ha chiesto e ottenuto un incontro con l’amministratore delegato di Leucopetra, Anna Improta, per capire, carte alla mano, qual è la situazione in cui versa l’azienda e la reale consistenza della voragine di bilancio, per poter così individuare e proporre soluzioni che possano salvare la società, tutelando i posti di lavoro ed evitando di trascinare la città verso un sicuro dissesto”.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com