Cavallo di ritorno a imprenditori, arrestati in sette

AVERSA- Questa mattina, nell’ambito di indagine coordinata dalla Procura della Repubblica  di Napoli Nord, i Carabinieri del Reparto Territoriale di Aversa  hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere ed agli arresti domiciliari , emessa dal G.l.P. presso il Tribunale di Napoli Nord  nei confronti  di sette persone ritenute appartenenti ad un’associazione  per delinquere finalizzata alla commissione di furti, estorsioni, ricettazione e riciclaggio di veicoli rubati. Il provvedimento cautelare scaturisce da un’articolata indagine che,  iniziata  nel  marzo 2015 e svolta sia con metodologie tradizionali che attività tecniche, ha permesso di individuare e documentare le attività illecite di un sodalizio criminale, avente come base il quartiere popolare “Salicelle” in Afragola.

A carico degli indagati è emerso un grave quadro indiziario che ha delineato l’esistenza di un gruppo criminale principalmente dedito, in maniera strutturata e sistematica, alle estorsioni con il metodo del  “cavallo di ritorno”. Il tutto, secondo un consolidato modus operandi           caratterizzato dall’iniziale furto di veicoli lasciati momentanemente incustoditi (nella maggior parte dei casi, necessari a piccoli imprenditori per lo svolgimento della loro attività lavorativa) , dal successivo occultamento degli stessi e, infine, dal contatto con la vittima (che avveniva sempre da uno stesso telefono pubblico sito in un bar di Afragola) a cui i malviventi intimavano di corrispondere ingenti somme di denaro, previa fissazione di un appuntamento per la restituzione del veicolo. Le somme venivano tempestivamente corrisposte in quanto i piccoli imprenditori,  avevano  I’ urgenza di rientrare in possesso dei veicoli per lo svolgimento delle loro attività.

GLI ARRESTATI- NOMI E FOTO

 

 

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online