Cultura, Nola perde 200mila euro per una domanda sbagliata

NOLA- Domanda redatta in modo errato,  Nola perde i finanziamenti per la promozione e valorizzazione dei beni culturali. Il progetto “Si gira”, presentato alla regione Campania per ottenere i fondi legati al Poc, piano operativo complementare per i beni e le attività culturali, è stato escluso dall’elenco di quelli ammessi a finanziamento dalla giunta regionale e nemmeno ammesso a valutazione per mancanza della “documentazione comprovante la disponibilità del bene culturale” oggetto della proposta progettuale. Sfumano così importanti fondi, dei quali fa invece man bassa la vicina Avella che, con una proposta che si classifica al primo posto sulle 25 ammesse a finanziamento,ottiene 200mila euro (più 45mila cofinanziati) per l’Avella Art Festival. Escluso per documentazione errata anche il progetto di Massa di Somma “I percorsi della lava”, mentre a Visciano la domanda è stata erroneamente presentata dai missionari della divina redenzione, soggetto non legittimato. In tutto erano 58 le proposte nennemo valutabili, mentre 193 erano conformi ma non hanno superato il punteggio minimo di 50. Escluse dunque le proposte dei Comuni di Brusciano, marzano, Cimitile, Scisciano, Casamarciano, San Paolo Bel Sito, Roccarainola, Pomigliano, Quadrelle. Trentanove invece le proposte ammesse, e tra queste sono finanziabili quella dei Avella, il progetto del Comune di Marigliano relativo a Palazzo Verna e l’open museum al castello baronale redatto dal Comune di Acerra. Ai tre enti andranno duecentomila euro.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online