Cicciano, si vota la mozione sfiducia: resa dei conti il 21 dicembre

CICCIANO (Nello Lauro- Il Mattino). La resa dei conti è fissata. E’ mercoledì 21 dicembre (alle 20) la data stabilita dalla conferenza dei capi gruppo per discutere e votare la mozione di sfiducia contro il sindaco Raffaele Arvonio che potrebbe sciogliere in maniera anticipata l’assise, come succede da quattro consiliature consecutive. Il documento, presentato dai consiglieri comunali di minoranza Aniello e Giovanni Capolongo, Felicia Delle Cave, Giuseppe Tarantino e Veria Vassallo e tre ormai ex rappresentanti della maggioranza Antonio Ardolino, Nicola Dell’Anno e Aniello Pizza, dice che “il numero dei consiglieri eletti all’opposizione e gli ex della maggioranza determina l’illegittimità di Arvonio al governo di Cicciano e quindi non è autorizzato almeno fino a quando non dimostrerà pubblicamente di avere i numeri per approvare qualsiasi atto di indirizzo”. La situazione è di difficile lettura per le forze in campo che da giorni si stanno contando, tra riunioni più o meno segrete, per l’incontro finale. Per i presentatori della mozione 7 (su 16 totali) sarebbero i consiglieri che sostengono la maggioranza mentre 9 sarebbero quelli contrari, compreso il consigliere Lucio Amato, eletto tra le fila dell’opposizione, che non ha firmato il documento. La posizione dell’ex vicesindaco è decisiva: potrebbe essere l’uomo che “salva” Arvonio o quello che lo “condanna”. Appuntamento in consiglio comunale il 21 dicembre, giorno del solstizio, per vedere se ci sarà l’inverno dell’amministrazione Arvonio o una nuova primavera.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online