Rifiuti e vandali nei sentieri del Parco del Partenio, la denuncia del runner

Tommaso Palo

Tommaso Palo

AVELLA- L’aria di montagna è salutare. Un luogo comune? Non proprio,  ma almeno sulle cime dei monti di Avella pare esserlo diventato. Lungo i sentieri del parco regionale del Partenio, sui tracciati adorati da escursionisti e runner, il panorama che ha reso note ed apprezzate queste aree montane lontane dalla cementificazione selvaggia della valle purtroppo è cambiato. Se ne sono accorti i podisti che scalano a ritmo serrato queste strade sterrate, faticando e stringendo i denti fino alla vetta e che hanno osservato e poi fotografato cosa sono diventate queste zone che dovrebbero essere incontaminate. Come per esempio il sentiero Cai (Club Alpino Italiano) numero 237 del Parco del Partenio, posto a quasi novecento metri di altezza e che conduce dritto alla sommità  del “Tuoppo  Alto” di Avella, milleduecento metri sul livello del mare. Tra viste mozzafiato e una natura rigogliosa e indomabile, gli atleti hanno scoperto che prima di loro, e chissà con quali mezzi, qualcuno aveva depositato di tutto: frigoriferi, elettrodomestici, buste della spazzatura, pneumatici, secchi di vernice. “Qualche giorno fa- racconta Tommaso Palo, runner amatoriale vincitore della Amalfi Coast Ultra nella categoria sm 35, escursionista esperto ed ambientalista-ho tentato la scalata a questa cima percorrendo il percorso Cai 237 del Parco del Partenio, ma dopo avere raggiunto ottocentotrentanove metri ho dovuto desistere”. Il sentiero, racconta, è stato vandalizzato in diversi punti. La segnaletica è stata divelta rendendo cieco il passaggio e l’area circostante devastata dall’incontrollato abbandono di rifiuti. “Una zona bellissima- continua Palo- che vorremmo utilizzare per organizzare una gara di Ultra Trail”. L’Ultra Trail èuna specialità di running faticosa e affascinante, in cui i corridori corrono nella natura su percorsi molto lunghi, anche oltre cento km. Ma sull’immaginario percorso di questa gara spezzareni, il runner Palo ha fotografato pneumatici di trattori, frigo, mobili, computer, nonostante si tratti di una zona molto difficile da raggiungere con ogni mezzo. I sentieri Cai del Partenio fanno parte della grande rete dei percorsi tracciati dal Club Alpino in tutta Italia, una rete di sessantamila tracciati dalle Alpi alla Sicilia. Utilizzati per escursioni e sport, non sono immuni dal vandalismo. Le vette dell’inciviltà, del resto, sono sempre altissime.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online