Si finge pellegrino di Pietrelcina per vedere la figlia: arrestato Salvatore Barile

PIETRELCINA- Assicurato alla giustizia il latitante Salvatore Barile, 32 anni, figlio di Luisa Mazzarella e nipote degli storici capi clan dei “Mazzarella”, il clan camorristico che controlla gli affari illeciti nel rione Forcella e nel quartiere di Poggioreale.

Era in fuga da luglio per sfuggire a un ordine di carcerazione emesso dalla procura generale di Napoli e aveva pensato che organizzare un pellegrinaggio a Pietrelcina della famiglia di un suo affiliato e infilare nel gruppetto anche la figlia potesse essere un buon escamotage per vedere la piccola senza correre il rischio di essere catturato. I preparativi per il viaggio non sono sfuggiti ai militari della “catturandi” del nucleo investigativo di Napoli che hanno seguito fin dall’alba e a partire da napoli la famiglia dell’affiliato e la figlia di Barile. Giunti sul posto i 5 hanno fatto il giro classico delle persone in gita religiosa. Poi sono entrati in un ristorante. Si son seduti a tavola. Hanno fatto apparecchiare per 6. Hanno ordinato per tutti…
Poco dopo, mentre le portate cominciavano ad arrivare, è emerso dalla folla di pellegrini e si è infilato nel locale anche il latitante.
A quel punto i carabinieri sono intervenuti bloccando tutti e ammanettando Barile.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com