Impianti di compostaggio, nel Nolano scoppia la polemica

TUFINO- Impianto sì, impianto no. La regione Campania annuncia la costruzione di 25 nuovi siti di compostaggio, tre dei quali nel Nolano (Tufino, Marigliano, Pomigliano) e la politica locale si spacca tra favorevoli e non. Voce contraria quella del deputato di Forza Italia Paolo Russo che all’indomani della conferma del Piano rifiuti ha commentato, riferendosi in primis alla previsione dell’impianto di Marigliano: “Prima Bassolino ed ora De Luca e il Pd continuano a ritenere il Nolano una sorta di pattumiera a pedale. Ogni volta che il Pd governa la Campania dobbiamo difenderci da incursioni ed oltraggi. Lo faremo come sempre lo abbiamo fatto”. Gli ha fatto eco il sindaco di Camposano Francesco Barbato che tuona: “Il territorio è stato già martoriato, guai ai sindaci che consentiranno altri scempi”. Una visione opposta a quella del suo consigliere di minoranza Carmela Rescigno che bolla il no di Russo e Barbato come “terrorismo psicologico” e “demagogia”: “Gli impianti – afferma- se realizzati secondo le procedure previste dalla legge e sottoposti ai dovuti controlli rappresentano non solo la risoluzione del problema della frazione organica evitando che i rifiuti viaggino per centinaia di chilometri ma soprattutto un’occasione di ricchezza, sviluppo e occupazione. Gli impianti compostaggio potrebbero generare energia elettrica, acqua calda per edifici pubblici nonché centinaia di posti di lavoro”. “A De Luca – continua Rescigno- invece andrebbero sottoposti altri interrogativi. Innanzitutto, perché gli impianti devono essere realizzati con risorse pubbliche quando potrebbero essere costruiti tramite investimenti privati. E poi, quale logica abbia portato a partorire l’ idea di realizzare in Campania 22 piccoli impianti considerato che un impianto più grande con una capacità di smaltimento maggiore ha un costo minore. Esempio: un impianto di 3mila tonnellate annue costa circa 20 milioni di euro rispetto ad un impianto di 150mila tonnellate annue che costa 50/60 milioni di euro” –  spiega l’esponente di Fratelli di Italia.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com