Neve sul Baianese, scuole chiuse e disagi risolti in tempi record

AVELLA (Bianca Bianco)- Un cappuccio bianco sul Castello di Avella. Le colline di Mugnano e Baiano rese candide dalla copiosa neve caduta nelle notte. Uno scenario che non smette di stupire nel Baianese che da ieri rivive la bellezza ma anche i disagi di una nevicata a bassa quota attesa ma sempre peculiare per questo territorio. Le temperature scendono sotto lo zero come non accadeva da anni, ma alla poesia della neve si aggiungono inevitabili problemi. I sei Comuni del comprensorio si sono mobilitati in tempo, vista l’allerta meteo, per rendere minimi i rischi per i cittadini e gli automobilisti. Ad Avella e Baiano si è resa necessaria l’ordinanza di chiusura delle scuole per domani ed è stata disposta anche la chiusura del cimitero cittadino per oggi.  Nella cittadina archeologica i volontari della Protezione civile, coordinati dal responsabile Pasquale Maiella, hanno lavorato per undici ore consecutive, dalle 18 del pomeriggio alle 5 di ieri mattina, per spargere sale lungo le strade interne. L’operazione ha richiesto il consumo di sei metri cubi di sale grosso, ma ieri mattina le strade risultavano sgombre e la viabilità scorrevole. Il nucleo di volontari è rimasto in ogni caso attivo per tutta la giornata per eventuali interventi di emergenza. Nel frattempo nel corso della giornata si è deciso di emanare l’ordinanza di chiusura degli istituti scolastici per domani. La chiusura si è resa necessaria soprattutto per la possibilità che i docenti provenienti da Avellino non possano raggiungere Avella. Il cimitero del paese sarà invece chiuso oggi per problemi di pubblicata incolumità viste le gelate causate dalla diminuzione delle temperature. Poco dopo si è aggiunta l’ordinanza di chiusura scuole anche nella vicina Baiano, nel frattempo già da due giorni il Comune sta attivando i mezzi spargisale per impedire la formazione di gelate sia in centro che lungo il tratto di Nazionale delle Puglie che ricade nel proprio territorio, mentre è stata sospesa-come negli altri cinque paesi- la raccolta dei rifiuti. In azione volontari e vigili urbani a Sirignano e Quadrelle, dove non si sono registrati danni o particolari emergenze. Per la chiusura delle scuole la decisione in questi paesi ed a Mugnano è rimandata a domani ed all’evolversi della situazione meteo mentre il sindaco di Sperone Marco Alaia ha comunicato che le scuole resteranno aperte. Per quanto riguarda i cittadini, chi non poteva diversamente è rimasto a casa a godersi lo spettacolo delle montagne innevate ma attività commerciali, fabbriche ed uffici hanno lavorato regolarmente.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online