Paura nel Baianese, sisma 1.9 avvertito dalla popolazione

MUGNANO DEL CARDINALE- La terra trema, il cuore batte forte. La paura pure. Ieri sera la Bassa Irpinia è stata l’epicentro di una lieve scossa di terremoto. Un sisma che ha smosso quasi in maniera impercettibile i sensori dei sismografi, ma è stato abbastanza superficiale da essere percepito distintamente dalla popolazione soprattutto tra Monteforte irpino e Mugnano del Cardinale, l’area in cui è stato individuato il cuore del terremoto. La scossa è stata, secondo quanto rilevato dalle strumentazioni dell’istituto nazionale di vulcanologia, di magnitudo 1.9, sotto il livello di guardia, ma a profondità di 4 km. Sono stati soprattutto i residenti che abitano nei piani alti dei palazzi a rendersi conto che la terra stava sussultando. Un movimento di pochissimi secondi che in molti casi non ha fatto oscillare i lampadari ma ha fatto sobbalzare chi era comodamente seduto davanti la tv a godersi gli ultimi scampoli di una domenica di tranquillità. Una tranquillità interrotta bruscamente dal terremoto. Qualcuno è sceso in strada, allarmato, ma soprattutto è scattato immediato il tam tam di messaggini tra chi aveva avvertito distintamente la terra tremare, si sono susseguite le telefonate preoccupate e lo smanettare compulsivo su internet per avere sicurezza di quanto si era percepito. La certezza di quanto avvenuto è arrivata quasi in tempo reale dalla Sala sismica dell’Istituto di Vulcanologia di Roma, che tiene costantemente aggiornata la lista terremoti di tutta Italia e che ha chiarito i dubbi. Il sisma di magnitudo 1.9 ha scosso la Bassa Irpinia fino all’Alto Nolano ed al Vallo di Lauro intorno alle 20,35. Superficiale ma forte, ha avuto epicentro tra Mugnano e Monteforte, in particolare nella località denominata “Gaudi” , valico di Monteforte, ma è stata “sentita” in tutto il mandamento. A far avvertire in maniera così netta il sisma, il fatto che fosse in superficie. Oltre alla legittima paura per chi da mesi è bombardato dai preoccupanti e drammatici bollettini che provengono dalle zone distrutte del Centro Italia, non si sono registrati danni. Solo tanta apprensione in una zona che ha vissuto in maniera drammatica ma meno devastante il sisma del 1980. La scossa di ieri sera è annoverata dagli esperti tra quelle lievi o nulle, che viene solitamente percepita da poche persone e non comporta danni ad edifici né richiede particolari precauzioni nella cittadinanza. Rassicurazioni che non sono però servite a far trascorrere una notte tranquilla a chi, col pensiero al Centro Italia, ha avuto il terrore di piombare in un incubo.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com