No Banner to display

Batteria smartphone, le 5 dritte per ricaricarla

Capita a tutti di ritrovarsi, prima o poi, con la batteria dello smartphone scarica già a metà mattinata. Magari dopo aver lasciato il telefono in carica tutta la notte, (e infatti sarebbe meglio evitare di attaccarlo alla corrente per troppe ore) oppure dopo averlo fatto scaricare completamente. Eppure, esistono diverse dritte per ottimizzare l’autonomia della batteria.

1 – La maggior parte delle batterie degli smartphone è fatta di ioni di litio, che consentono al dispositivo di avere maggiore autonomia e ricaricarsi più velocemente. Tuttavia, come suggerisce il sito ‘Battery University’, la batteria agli ioni di litio non ha bisogno di raggiungere il 100% di carica per funzionare bene. Al contrario, una carica parziale è preferibile, come sottolinea anche Apple. Le batterie di questo tipo funzionano a cicli di carica: se ne completa uno ogni volta che si consuma il 100% della capacità della batteria. Ma il 100% può derivare da diverse cariche, ‘ripartite’ durante la giornata. Così se ad esempio si usa il 75% della batteria, poi si ricarica la sera, e il giorno seguente se ne utilizza il 25%, si avrà utilizzato il 100% della batteria, ossia un solo ciclo di carica.

2 – Non ricaricare il cellulare ad alte temperature. Quando si è effettua una ricarica è importante evitare di esporre il proprio dispositivo a temperature che superano i 35 gradi, o che risultano troppo basse. Nel primo caso la capacità della batteria può essere danneggiata in modo permanente facendo sì che la durata della carica diminuisca rapidamente.

3 – Rimuovi lo smartphone dalla custodia quando effettui una ricarica. Tra i suggerimenti chiave quando si ricarica lo smartphone rientra quello di rimuovere la custodia. Questo perché alcune cover potrebbero surriscaldare lo smartphone, danneggiando anche la capacità di durata della batteria. Se durante la carica notate che il cellulare si surriscalda, non esitate ad estrarlo dalla custodia.

4 – Se non lo utilizzi per molto tempo, caricarlo a metà. “Se il dispositivo non verrà usato per molto tempo – spiega Apple – le condizioni della batteria saranno influenzate da due fattori: la temperatura dell’ambiente e la percentuale di carica della batteria al momento dello spegnimento”. Per questo l’azienda di Cupertino suggerisce di non caricare o scaricare completamente la batteria ma di caricarla sempre al 50%. “Se riponi un dispositivo con la batteria completamente scarica, potrebbe esaurirsi al punto da rendere impossibile una nuova ricarica – affermano – Se pensi di non usare il dispositivo per più di sei mesi, ricordati ogni sei mesi di ricaricarlo al 50%”.

5 – Ottimizza le impostazioni e usa caricabatterie originali. Per migliorare l’autonomia, tra i vecchi trucchi da non dimenticare rientrano la regolazione della luminosità del display e la disattivazione di bluetooth e wi-fi. Fondamentale anche utilizzare sempre il caricabatterie originale. (Adnkronos)


No Banner to display








Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com