Cicciano perde la Guardia medica e vaccini, presidio trasferito a Gargani

CICCIANO (Nello Lauro- Il Mattino)- Addio Guardia Medica e vaccini. Dal 1 luglio Cicciano perderà la sede distaccata del Distretto Sanitario 49 di Nola della Asl Napoli 3 sud. I servizi ad oggi erogati saranno a Gargani, frazione di Roccarainola. Tutto questo significa che le vaccinazioni, tutte le attività dell’unità operativa del dipartimento di prevenzione, ovvero, sicurezza dei luoghi di lavoro, e soprattutto la continuità assistenziale (l’ex guardia medica) non saranno più erogati in via Sturzo a Cicciano. I motivi, secondo le indiscrezioni, sono due: la messa a norma dello stabile per mancanza di bagni per disabili e il risparmio per la Asl del canone di locazione in tempi di spending review. I disagi saranno molteplici con i cittadini di Cicciano, Cimitile, Comiziano, Camposano, Tufino – una utenza di circa 30.000 abitanti – costretti ad andare in un altro paese con difficoltà logistiche. Il maggiore disagio si avrà per la continuità assistenziale: i residenti per farsi visitare o farsi prescrivere un farmaco (di notte e nei giorni festivi) dovranno spostarsi di alcuni chilometri, circostanza che potrebbe anche rallentare le visite domiciliari da parte dei medici. Il primo cittadino Raffaele Arvonio ha già scritto anche al commissario dell’Asl Na3 Antonietta Costantini per cercare una soluzione mettendo a disposizione i locali della ex Pretura (600 metri quadrati) e maggioranza e opposizione avevano deliberato in maniera unanime in consiglio comunale un documento per non perdere il presidio e dando mandato al sindaco di mettere in campo tutte le procedure per trattenere il presidio. Una situazione che però non è cambiata. Anzi. E’ trascorso solo altro tempo, e ad un mese dall’addio il fuoco sotto la cenere ha fatto divampare il nuovo focolaio di polemica: domani sera è in programma un civico consesso urgente che si annuncia rovente e dove si discuterà ancora della questione. “Il sindaco ha fatto davvero poco per trattenere il presidio – dice il consigliere comunale di opposizione Giuseppe Tarantino – evidentemente le proposte dell’amministrazione comunale non sono state in linea con le esigenze dell’Asl. Perdere la guardia medica è gravissimo – aggiunge il capogruppo di “Insieme per il Bene Comune” – almeno l’ente potrebbe attivare un servizio navetta gratuito per i nostri cittadini per le vaccinazioni e le visite specialistiche, visto che il nuovo presidio è difficile da raggiungere con i mezzi pubblici”. Anche le associazioni contestano la perdita della guardia medica: “Stanno sottraendo anche questo alla nostra martoriata città – scrive Francesco Toscano, presidente regionale del centro studi Osis – e si interroga su cosa fa l’amministrazione comunale, cosa fanno i partiti. Ci racconteranno che hanno fatto di tutto ma l’unico risultato è che abbiamo perduto un altro servizio essenziale per la città”.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com