Morfina a neonato, arrestata infermiera a Verona: era rognoso

VERONA – La Polizia di Stato di Verona ha arrestato un’infermiera, in servizio presso la Asl, per aver somministrato morfina ad un neonato, in assenza di prescrizione medica e senza necessità terapeutiche, provocandogli un’overdose con arresto respiratorio prontamente superato dal tempestivo intervento sanitario. Lo scorso marzo il neonato era ricoverato presso la terapia intensiva neonatale dell’Ospedale Civile di Verona. In seguito a inspiegabili e ripetute crisi respiratorie, era stato trasferito in una stanza di cura intensiva, per potergli praticare le opportune manovre di rianimazione. Con il peggioramento del quadro clinico, al neonato era stato somministrato un farmaco antagonista degli oppiacei, come la morfina, indicando anche il dosaggio. Immediatamente dopo il neonato aveva ripreso a respirare autonomamente. In seguito agli accertamenti medici, è emerso che la crisi respiratoria che aveva messo in gravissimo pericolo di vita il piccolo paziente era dipesa dall’assunzione di morfina, certamente avvenuta poche ore prima dell’evento. Tale assunzione, avvenuta in assenza di qualsiasi prescrizione medica o indicazione terapeutica, non è apparsa riconducibile a errore. In un primo momento l’infermiera, 43 anni, che aveva accudito il neonato aveva dichiarato di non ricordare chi avesse ordinato la somministrazione del farmaco. In particolare, nelle ore precedenti all’accaduto, era stata proprio lei a tenere in braccio il neonato definendolo come “rognoso” in presenza anche delle altre colleghe. Ed era stata la 43enne stessa a confidare a un’altra infermiera di fare abituale utilizzo di morfina e benzodeazepina, pur in assenza di prescrizione, somministrandola ai neonati per via orale o nasale per metterli tranquilli, nella convinzione dell’insussistenza di concreti pericoli.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online