Camorra e omicidio, polizia arresta in un B&B latitante del clan Mazzarella

Salvatore Sembianza, 37 anni

NAPOLI –  Nel pomeriggio di ieri gli agenti di Polizia del Commissariato Vicaria Mercato a seguito di serrata attività investigativa hanno arrestato Salvatore Sembianza, 37enne napoletano, colpito da una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip presso il Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia nel giugno 2017 per i reati di omicidio, tentato omicidio ed associazione di tipo camorristico. Il provvedimento restrittivo era stato eseguito da personale della squadra mobile nei confronti di Gennaro Catapano, Raffaele Micillo, Domenico Di Perna e Salvatore Maggio, tutti esponenti del clan Mazzarella, operante in diversi quartieri del centro cittadino e della periferia, entrati in contrasto con il sodalizio di appartenenza per il controllo delle attività illecite, gestite nelle aree cittadine di Piazza Mercato, Porta Nolana, Soprammuro e Case Nuove. Le indagini avevano consentito di ricostruire il contesto criminale in cui erano maturati l’omicidio ed il tentato omicidio rispettivamente di Pasquale Grimaldi e di Enrico Esposito, avvenuto in data 19 giugno 2006, nonché il duplice tentato omicidio di Giuseppe Persico e di Vincenzo Papi, avvenuti il 25 giugno 2013. Il provvedimento non veniva eseguito nei confronti di Sembianza in quanto irreperibile. Dall’inizio della latitanza di Sembianza mirate azioni investigative di ricerca, venivano  poste in essere sia dai poliziotti della squadra Mobile che dei commissariati sezionali competenti nelle aree dove Sembianza operava. Le incessanti attività sono culminate nell’operazione di polizia condotta dagli agenti del Commissariato Vicaria che,  individuato il luogo dove lo stesso si nascondeva,  un  B&B di Via Nuova Poggioreale, predisponevano un accurato servizio, idoneo a coprire tutte le vie di fuga. Fatta irruzione all’interno del B&B i poliziotti hanno arrestato  Sembianza, associandolo presso l’Istituto Penitenziario di Secondigliano. Dai primi accertamenti esperiti è stato accertato che Salvatore Sembianza era in possesso di una carta d’identità contraffatta recante la foto con le sue generalità.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com