Somma Vesuviana: polemiche su sospensione dirigente, sindaco scrive ai cittadini

SOMMA VESUVIANA-Il sindaco Salvatore Di Sarno ha sospeso un dirigente comunale. Una scelta che ha creato malumori in città e che lo stesso primo cittadino ha deciso di spiegare attraverso una “lettera aperta” indirizzata alla cittadinanza.

“La scelta di non incentivare né promuovere alcuna discussione politica sull’avvio del procedimento di sospensione ampiamente condivisa da tutte le forze politiche di maggioranza- scrive Di Sarno- deriva dall’esigenza e dal dovere di tutelare la privacy, l’immagine e la professionalità di tutti i dipendenti dell’Ente. Apprendo con rammarico che nelle ultime ore il mio silenzio, e quello della maggior parte dei consiglieri comunali che, ribadisco, è l’unico strumento possibile per dimostrare rispetto verso gli uomini e le donne che lavorano presso l’Ente, è stato confuso e, (cosa più grave) oggetto di discussione politica tra “addetti e non addetti ai lavori” confondendo il nostro rispetto per le leggi con punizioni politiche, licenziamenti, scelte inopportune ed altro, affermazioni di cui ovviamente se ne assumono ogni responsabilità. Pur avendo avuto delega con il vostro consenso elettorale, di fare scelte in riferimento alla organizzazione degli uffici comunali, sento la necessità di comunicare ai cittadini di Somma Vesuviana che non vi è stato alcun licenziamento o atto punitivo. Il  decreto è stato emanato per garantire l’applicazione del decreto legislativo  39/2013 ed in tal senso si pronunciava l’Anac con delibera numero 924 del 13 settembre 2017. Tale decreto è stato emesso con il massimo rispetto umano nei confronti del dipendente e le più ampie garanzie di legge. Il dipendente continuerà a svolgere i propri doveri e fornirà le proprie prestazioni all’Ente seppure con diverse responsabilità”.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online