Napoli, 16enne si lancia dal secondo piano per sfuggire all’arresto

NAPOLI –  Servizio straordinario di controllo del territorio nel quartiere di Scampia effettuato dai carabinieri del nucleo operativo della compagnia stella e della stazione quartiere 167. Tredici perquisizioni a casa di pregiudicati o soggetti d’interesse operativo e indagini antidroga. la cattura di un 16enne destinatario di misura cautelare, bloccato dopo uno spettacolare tentativo di fuga. Arrestato Vincenzo Bastelli, un 37enne della zona, che è stato osservato a distanza in via Don Pino Puglisi e sorpreso mentre cedeva stupefacenti a 2 assuntori del luogo: sottoposti a sequestro 5 grammi di hashish. Perquisizioni per blocchi di edificio all’interno del lotto “T/B” e rinvenimento in un vano ascensore di 31 dosi di eroina, 11 di eroina e kobret, 5 stecche di hashish e 4 bustine di marijuana. Arrestato, dopo uno spettacolare tentativo di fuga, un 16enne destinatario di ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip per i minorenni di napoli concordando con risultanze investigative dell’arma: è ritenuto responsabile di spaccio di stupefacenti in concorso e di detenzione del caricatore di una glock, reati accertati l’11 ottobre quando vennero rinvenute 304 dosi di droga pesante (eroina e cocaina). Concitate le fasi per il suo arresto. il 16enne alla vista dei carabinieri ha tentato la fuga lanciandosi dalla balconata al secondo piano della sua abitazione nel complesso di edilizia popolare delle “case dei Puffi”. Inseguito a piedi dai cc che avevano preventivamente circondato la casa, è stato bloccato poco dopo in area recintata, dove si era nascosto tra carcasse di autotreni e box di cani. Denunciato per riciclaggio un 42enne del rione dei fiori che aveva messo in vendita su piattaforma informatica una Range Rover Evoque oggetto di rapina a un 31enne della provincia di Caserta. il mezzo è stato rinvenuto nel box auto dell’indagato e sottoposto a sequestro. Su area condominiale adibita a garage sono poi stati rinvenuti 2 scooter oggetto di rapina consumata la sera del 20 ottobre a Casoria ai danni di un 21enne e un 17enne del posto. Gli arrestati sono stati portati nella casa circondariale di poggioreale e nel centro di prima accoglienza.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online