Torre Annunziata, sequestrata area arenile a Rovigliano: era discarica di amianto

TORRE ANNUNZIATA – Nel quadro dell’intensificazione dei servizi di prevenzione generale e controllo economico del territorio con particolare attenzione al fenomeno dello smaltimento illecito dei rifiuti, i finanzieri del comando provinciale di napoli hanno posto sotto sequestro, nel comune di Torre Annunziata, zona dell’arenile di Rovigliano, un’area di circa 137.000 metri quadrati adibita a “discarica abusiva” di rifiuti speciali pericolosi e non. Le fiamme gialle di Torre Annunziata, nel corso di specifiche indagini, hanno individuato e segnalato all’autorita’ giudiziaria la vasta area, ricadente sul territorio demaniale del comune oplontino, utilizzata da molto tempo come vera e propria discarica abusiva. La locale procura della repubblica richiedeva ed otteneva dal gip del tribunale alla sede un provvedimento di sequestro preventivo in relazione alla commissione di reati ambientali. I finanzieri hanno accertato la presenza di circa 80mila metri cubi di rifiuti speciali costituiti principalmente da amianto, asfalto, pneumatici, carcasse di animali, materiali edili di risulta e residui di vetroresina bruciata. Per la sua ubicazione in prossimita’ della costa ed a ridosso di alcune attivita’ produttive, l’area sequestrata risulta particolarmente pericolosa per l’incolumità pubblica. In particolare, l’amianto, riconosciuto come causa dell’insorgenza di gravissime patologie tumorali, appariva in molti punti esfoliato ed esposto agli agenti atmosferici, con conseguente grave rischio di dispersione sia nel terreno sia nell’aria.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online