Falsi incidenti stradali, indagati 4 medici

CASERTA- Medici complici nelle truffe alle assicurazioni. La Procura di Santa Maria Capua Vetere ha indagato 4 professionisti applicando loro due misure interdittive: l’obbligo di dimora in due casi e begli altri due il divieto di esercitare per 2 e 3 mesi. Una decisione arrivata al culmine di una indagine su truffe alle assicurazioni partita da uno studio legale di Sessa Aurunca. Qui le forze dell’ordine sequestrarono 37 fascicoli relativi ad altrettante richieste di risarcimento per sinistri stradali. Indagini che portarono ad approfondire anche il ruolo dei medici nelle perizie, testimonianze e rilascio dei certificati. Ne è emerso un vero e proprio “sodalizio” per la realizzazione di frodi alle assicurazioni che si avvaleva di diverse figure: avvocati, medici, falsi testimoni, false vittime, reclutatori. Uno dei medici coinvolti lavora presso l’ospedaledi Marcianise. I sanitari indagati avrebbero rilasciato falsi certificati in cambio di somme che andavano dai 160 ai 170 euro. In tutto sono stati accertati 15 finti sinistri ed un giro di affari di 800mila euro, In tutto sono indagate 30 persone.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online