Furto da ripetitori Tim e Vodafone: arrestati da finanzieri di Nola

NOLA – I finanzieri della compagnia di Nola hanno individuato un veicolo sospetto, preceduto da una staffetta, che si è diretto a Campagna, in provincia di Salerno, percorrendo il percorso autostradale da Nola. A bordo dei veicoli c’erano tre pregiudicati napoletani, che dopo aver imboccato un sentiero dissestato, hanno arrestato la marcia in prossimità di un traliccio-ripetitore situato in località ripa della guardia del comune di Campagna, nella disponibilità dei gestori telefonici Tim e Vodafone. Il tempestivo intervento dei militari ha consentito di sorprendere i tre al lavoro mentre erano intenti a danneggiare le cabine installate attraverso l’utilizzo incessante di martello e scalpello, nonche’ ad asportare batterie accumulatori ed alcuni cavi elettrici, prodotti destinati ad  assicurare l’erogazione del  servizio di telecomunicazione. I militari intervenuti hanno rinvenuto 18 accumulatori energetici e cavi elettrici asportati dal traliccio- ripetitore telefonico, materiale gia’ riposto nei veicoli. I militari hanno sequestrato i mezzi di trasporto utilizzati e i responsabili sono stati arrestati per furto aggravato e, su disposizione dell’autorità giudiziaria di Salerno, accompagnati presso la casa circondariale di Salerno-Fuorni. I finanzieri hanno poi assunto contatti con le compagnie telefoniche che gestiscono i ripetitori danneggiati, rilevando che tale fenomeno risulta essere sensibilmente diffuso.

 

Print Friendly, PDF & Email