Omicidio-suicidio a San Marcellino: uccide la moglie e si toglie la vita

CASERTA – Dramma della gelosia a San Marcellino, nel Casertano. Due corpi senza vita sono stati ritrovati in un appartamento nella cittadina casertana.  Secondo i primi accertamenti effettuati dai militari della stazione di San Marcellino e del reparto territoriale di Aversa, ​Antonio Topa, 50 anni, avrebbe ucciso la moglie, Immacolata Stabile, 48enne per motivi passionali. Il corpo della donna era in camera da letto. L’uomo si è impiccato con un laccio fissato al solaio dell’abitazione. Sotto choc il figlio e la figlia della coppia, entrambi maggiorenni, che questa notte intorno alle 2 sono rincasati e hanno trovato la madre e il padre morti.  I due ragazzi hanno chiamato i carabinieri e il 118. Il ragazzo alla vista dei corpi senza vita dei genitori ha avuto un malore. Le indagini sull’episodio sono coordinate dalla Procura di Napoli Nord che ha disposto l’autopsia sui due cadaveri.  Topa di mestiere faceva il carpentiere. La moglie invece era casalinga. La coppia era stata monitorata dai carabinieri dopo che, un anno fa, lei aveva sporto querela per maltrattamenti. Nessun altro episodio violento si sarebbe però verificato dopo la denunci tant’è che sembra che lei avesse anche ritirato la querela. È stato evidentemente il suo più grande errore. Ieri notte il marito l’ha uccisa. (ilmattino.it)

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online