Santa Maria la Carità, sversa amianto in fondo sequestrato: nei guai

SANTA MARIA LA CARITA’ –  I finanzieri del comando provinciale della guardia di finanza di Napoli hanno notificato un’ordinanza applicativa della misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziari nei confronti di una persona scoperta ripetutamente a sversare illecitamente nell’ambiente rifiuti speciali e non. I militari della compagnia di Castellammare di Stabia, dopo che lo scorso mese di maggio, nel corso di un’attività info-investigativa, hanno sorpreso in flagranza di reato, il proprietario di un fondo agricolo di oltre 1.000 metri quadrati, nel comune di Santa Maria la Carità, mentre scaricava rifiuti speciali, anche pericolosi (amianto in tubi e lastre, parti di veicoli, elettrodomestici in disuso, materiale elettronico dismesso), quantificati in circa 1.400 tonnellate, sequestravano l’intera area denunciando il predetto responsabile per reati ambientali. Quest’ultimo, nonostante l’area fosse sequestrata, veniva nuovamente sorpreso dai finanzieri a sversare rifiuti sul fondo agricolo, violando tra l’altro i sigilli apposti all’area. Vista la recidività del gesto la procura della repubblica di Torre Annunziata  ha emesso la misura cautelare            dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria a carico del responsabile. Dall’inizio  dell’anno  le  fiamme  gialle  stabiesi  hanno  sottoposto  a sequestro 12  discariche  abusive,  pari  ad  oltre  35.500  metri quadrati di terreno agricolo, segnalando competente 16 responsabili ed  accertando  lo  stoccaggio  di  circa  5.000  tonnellate  di  rifiuti speciali,  dei  quali  3.200  pericolosi.  L’attività  eseguita  ha consentito che tutti i rifiuti fossero smaltiti attraverso aziende allo scopo autorizzate.

 


Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com