Adesca 26 minorenni su Instagram e Whatsapp, arrestato pedofilo di Ischia

Nelle prime ore di questa mattina, a seguito di sviluppi di attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli, militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Ischia, in collaborazione con i colleghi della Compagnia Carabinieri di Sassuolo, hanno dato esecuzione ad ordinanza applicativa della custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Napoli, nei confronti del ventunenne B.A., residente in Prignano sulla Secchia, indagato per avere prodotto e divulgato materiale pedopornografico relativo a 26 ragazze minorenni residenti in tutta Italia. Le indagini, effettuate dall’Aliquota Operativa della Compagnia Carabinieri di Ischia, avviate nel novembre del 2017 a seguito della denuncia sporta dal padre di una delle vittime, hanno consentito di appurare che l’indagato adescava le minorenni attraverso Instagram e Whatsapp, facendosi fornire, dopo aver instaurato un’apparente relazione sentimentale, foto o video a sfondo sessuale; successivamente, al fine di ottenere ulteriore materiale, minacciava le vittime di diffondere quanto aveva ricevuto, se queste non avessero inviato ulteriori immagini o filmati; in qualche circostanza la minaccia è anche consistita nell’invio di filmati riconducibili al terrorismo islamico per intimorire le  minorenni.

 

 


Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com