Baiano e Sirignano, iniziano le analisi per la bonifica delle ex discariche

BAIANO (Bianca Bianco- IlMattino)- La bonifica delle ex discariche comunali del Baianese non è più un’utopia. Dopo lo stanziamento la scorsa primavera di 50 mila euro a comune da parte della regione, a Baiano ed a Sirignano partiranno a breve le prime attività utili al risanamento di due aree che per decenni hanno raccolto i rifiuti solidi urbani e non solo del territorio. A Baiano la bonifica riguarderà la discarica di località Fontanavecchia, un luogo ridente macchiato dalla presenza di un sito di sversamento da sempre protagonista delle preoccupazioni della cittadinanza. Una vera e propria bomba ecologica per il paese che si trova all’interno di una cavai dismessa e per decenni destinata ad ospitare tonnellate di rifiuti indifferenziati (ma c’è chi teme sia stata anche riempita di rifiuti tossici e speciali) provenienti anche da altre province campane. Questo sito dal 2010 era inserito nell’elenco di quelli “potenzialmente contaminati”. Lo scorso aprile l’ente di palazzo Santa Lucia ha stanziato cinquantamila euro nell’ambito del piano di intervento strategico inserito nel patto per lo sviluppo. Una somma esigua, ma comunque importante per consentire almeno i lavori preliminari di monitoraggio e per dare una prima risposta da chi da anni lotta per il risanamento del territorio. Che la bonifica della ex discarica di Fontanavecchia sia ad un passo lo conferma il sindaco di Baiano Enrico Montanaro: “Nei giorni scorsi abbiamo affidato attraverso bando di gara sia le attività di carotaggio che le analisi dei prelievi, entrambe attività propedeutiche alla bonifica. Quelli elargiti dalla regione sono finanziamenti destinati alla bonifica preliminare la cui redazione è stata affidata dal nostro comune al Ciram, il dipartimento della facoltà di geologia della Federico II di Napoli specializzato in questo tipo di verifiche. A breve inizieremo sia gli scavi che le analisi in modo tale da avere un quadro completo sulla cava dismessa di Fontanavecchia”. Una buona notizia per il comprensorio che coincide con l’avvio delle stesse analisi preliminari stavolta nella discarica di località Tuoro a Sirignano. Anche questo sito è inserito tra quelli potenzialmente contaminati ed ha ottenuto la somma di 50mila euro. Nei giorni scorsi il Comune ha affidato attraverso un bando di gara le indagini preliminari ad un centro per le analisi specializzato in questo tipo di controlli. Sia a Baiano che a Sirignano entro la fine dell’anno dovrà essere chiarito il tipo di rifiuto sepolto, il livello di contaminazione, poi si passerà alla caratterizzazione ed infine alla bonifica.


Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com