Caso anestesisti all’ospedale di Nola, primario Vincenti: nessuna emergenza

NOLA-“Nessun caso anestesisti all’ospedale Santa Maria della Pietà di Nola”. A rassicurare gli utenti del nosocomio di via dell’Amicizia è il dirigente medico dell’Asl 3 Napoli Sud,  primario del Reparto di Rianimazione e Terapia Intensiva,  Umberto Vincenti. I fatti risalgono al 17 ottobre, quando l’improvvisa mancanza di un anestesista avrebbe fatto saltare, secondo fonti interne all’ospedale nolano, due dei quattro interventi programmati. E’ lo stesso primario a spiegare l’accaduto: “Mercoledì mattina erano previsti tre interventi chirurgici. Alle 8,20 sono stato avvisato della impossibilità di un anestesista di essere a lavoro. Questo non ha però influito sull’andamento delle operazioni: due si sono svolte, la terza no per scelta autonoma del paziente che ha deciso di andare via”. Gli interventi “in agenda”, afferma il dottor Vincenti,  erano “semplici” (una varice, un’ernia, una fistola ndr) e l’unico degente che ha deciso di andar via avrebbe potuto essere operato: “L’ospedale di Nola non ha problemi di organico per quanto riguarda gli anestesisti (sono in tutto sei, quel giorno erano cinque ndr) né di programmazione delle operazioni chirurgiche. Si tratta di medici che lavorano moltissimo, così come gli infermieri, in grado di sopperire sia alle piccole che alle grandi emergenze. L’ospedale di Nola è spesso al centro delle polemiche ma in questo caso posso ribadire che il nostro è un reparto di eccellenza con professionalità invidiabili”.


Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com