Circumvesuviana: ponte sostituito, riaprono le stazioni Baiano ed Avella-Sperone

BAIANO (Bianca Bianco)-Dopo 47 giorni riaperto il collegamento ferroviario con Napoli. E’ durata 6 settimane e 5 giorni la chiusura delle stazioni della ex Circumvesuviana di Baiano ed Avella-Sperone per i lavori di sostituzione del cavalcavia di via Carlo III ad Avella e ieri pomeriggio i primi treni hanno potuto arrivare in Bassa Irpinia e partire dagli avamposti ferroviari del Mandamento. La prima corsa proveniente da Napoli, quella del treno 8161 del 16.18, è arrivata al capolinea di Baiano intorno alle 17.17. La seconda corsa da Baiano al capoluogo di regione è partita invece con il treno 8180 delle 18.02. Il ripristino della regolare circolazione sui binari è stato accolto con sollievo dalle centinaia di pendolari che dallo scorso 27 agosto erano costretti a partire dalla stazione di Roccarainola, nel Nolano, partendo da Baiano con un pullman dell’Eav. Corse sempre piene e con il quotidiano rischio di restare a terra e di doversi attrezzare diversamente per raggiungere scuole, università e posto di lavoro. Proprio venerdì era montata la rivolta on line degli utenti del Baianese su una delle pagine Facebook più seguite dai viaggiatori della storica ferrovia, “Spotted Vesuviana”, mentre l’ex sindaco di Sperone Salvatore Alaia, noto per le sue battaglie civiche, aveva minacciato la protesta in piazza al fianco degli studenti che lamentavano ritardi e disservizi. Non ce ne sarà bisogno. L’Eav srl ha comunicato sul proprio sito e con un post sui social il ripristino delle corse dal Baianese al Vesuviano arrivato dopo più di un mese di difficoltà. La chiusura delle due stazioni si era resa necessaria per sostituire l’impalcato metallico del ponte che sovrasta via Carlo III ad Avella; lavori progettati dal lontano 2008, mai realizzati per una serie di lungaggini burocratiche e comunicati al comune di Avella il 6 agosto scorso, iniziati il 27 agosto e, nonostante le previsioni iniziali, protrattisi oltre il mese. In un primo momento è stata rinnovata la struttura metallica che costituisce l’anima del viadotto ferroviario, fortemente danneggiata da un secolo di viaggi, poi è stata aggiunta la segnaletica necessaria per i mezzi più alti ed infine, proprio questa settimana, è stato effettuato il collaudo con tecnici Eav, del Ministero dei Trasporti,del Genio civile e della Regione. Collaudo che ha avuto esito positivo ed ha permesso di riaprire le stazioni del comprensorio baianese in un tranquillo sabato di ottobre, con pochi utenti ma molta soddisfazione dei pendolari privati per troppe settimane di un servizio basilare.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com