Nas nei ristoranti del Napoletano: 3 quintali di alimenti sotto chiave

NAPOLI- Operazione dei carabinieri del nucleo antisofisticazione nei settori della sicurezza alimentare e sanitaria, a tutela della salute pubblica. I Nas di Napoli, coordinati dal capitano Gennaro Tiano, hanno effettuato controlli a Napoli e provincia, chiudendo locali e sequestrando alimenti. A Capri l’ispezione in un albergo della Marin a Grande, dopo la quale hanno sequestrato 25 chilogrammi di farina, polenta, spezie, senza indicazioni sulla provenienza. A Pozzuoli sequestrati due quintali e mezzo di alimenti congelati e senza indicazioni ed è stato chiuso un deposito per alimenti in gravi condizioni igienico sanitarie e strutturali. Dopo il blitz in un ristorante di Pompei, il sindaco della cittadina mariana ha fatto chiudere un ristorante. Ristoranti di mira anche a Torre del Greci dove i Nas hanno chiuso un deposito alimentare in precarie condizioni igienico sanitarie e sequestrato 150 chilogrammi di alimenti non tracciati. In una rivendita di generi alimentari di Sant’Antonio Abate, invece, hannp0 sequestrato 90 chilogrammi di insaccati, pancette, caciocavalli, salumi, non tracciabili. Infine a Napoli hanno constatato l’attivazione di un distributore automatico di farmaci ed altri prodotti da parte di una farmacia del centro, senza il possesso dei previsti titoli autorizzativi. I farmaci sono stati tutti sottoposto a sequestro.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com