Ponte ferroviario di Avella ancora chiuso, ma Eav annuncia due nuove corse

AVELLA (Bianca Bianco- IlMattino) Due nuove corse dell’Eav per i pendolari del Baianese. Una notizia positiva in un periodo difficile per i viaggiatori che dal capolinea di Baiano raggiungono Napoli o le stazioni intermedie e che dallo scorso 27 agosto sono costretti a ricorrere al servizio sostitutivo automobilistico a causa dei lavori al cavalcavia ferroviario di via Carlo III ad Avella. Una novità che coinvolge tutte le linee vesuviane che a partire da lunedì 8 ottobre vedranno un aumento dei treni, in tutto dieci nuove corse per andare in soccorso a migliaia di persone che quotidianamente utilizzano l’ex Circumvesuviana. Per quanto riguarda la tratta Baiano- Nola- Napoli, alle ventidue corse attuali si aggiunge l’Etr 8182 delle 18,32 per il capoluogo regionale; l’Etr 8163 Napoli- Baiano partirà anche alle 16,48. Due orari importanti soprattutto per chi lavora in città e per raggiungere i paesi. Una boccata di ossigeno che arriva in un momento complicato proprio per i pendolari del Mandamento che dallo scorso agosto non possono prendere il treno a Baiano e ad Avella a causa dei lavori di sostituzione dell’impalcato in ferro del cavalcavia ferroviario di via Carlo III che si sopraeleva su una strada molto trafficata che è rimasta chiusa per lavori fino a pochi giorni fa. Le opere di sostituzione si dovevano concludersi entro un mese, ma allo stato il passaggio dei treni sul ponte è ancora interrotto. Stando a quanto emerso alla riapertura del traffico ferroviario manca solo il collaudo, dopodiché i viaggiatori che in queste settimane hanno dovuto ricorrere al pullman per prendere il treno a Roccarainola potranno riprendere la consueta routine da pendolari sui binari. Una routine che auspica non solo chi sta vivendo le difficoltà sulla propria pelle ma anche dall’ex sindaco di Sperone Salvatore Alaia, noto per le proprie proteste e che stavolta si pone al fianco degli studenti che stanno subendo disagi e “minaccia” Eav Srl affinché “si provveda in tempi brevi alle operazioni di collaudo del ponte che insiste nel territorio di Avella, soprattutto in considerazione del fatto che la viabilità per gli automobilisti da alcuni giorni è stata aperta alla circolazione. Rispetto tutte le procedure, ma credo che sia giunto il momento che la Circumvesuviana provveda a farsi carico della vicenda, prima di passare a qualsiasi forma di protesta che vedrebbe il supporto di migliaia di studenti”.


Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com