Spaccio droga, 15 arresti in tre province: c’è anche il figlio del boss La Torre

MONDRAGONE- I carabinieri della Compagnia di Mondragone nelle province di Caserta, Napoli e Benevento hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Napoli nei confronti di 15 indagati (13 in carcere, 1 agli arresti domiciliari e uno al divieto di dimora). Tra i destinatari dei provvedimenti figura Francesco Tiberio La Torre, 31 anni. Gli indagati sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, riciclaggio e favoreggiamento personale.

Le misure cautelari scaturiscono da un articolata attività investigativa, condotta da settembre 2015 a maggio 2016, basata sulle risultanze dell’attività tecnica di intercettazione  e monitoraggio video che ha permesso di cristallizzare le condotte degli  indagati;  ponendo in risalto l’esistenza di un organizzato gruppo criminale che provvedeva all’immissione sul  litorale domizio,  ed in particolare nel comune di Mondragone, di consistenti quantitativi di crack, cocaina ed hashish, approvvigionata tramite fornitori provenienti dell’area napoletana ovvero tramite la collaborazione di cittadini albanesi.  Nel corso dell’attività sono stati eseguiti arresti in flagranza e denunce in stato di libertà in seguito ai singoli episodi di spaccio gestito tramite il sistema delle richieste telefoniche, nonché vari sono stati i recuperi di stupefacente. Parimenti sono state disvelate ulteriore condotte da parte di alcuni indagati relative al riciclaggio di un’autovettura di provenienza illecita.

L’associazione era costituita, promossa, organizzata e diretta, insieme a Vincenzo De Crescenzo, 62 anni e Salvatore De Crescenzo, 41, da Francesco Tiberio La Torre, figlio dello storico capo clan Augusto.

 

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online