A Sperone l’immagine di una madonnina piange una lacrima di sangue

SP’ERONE (Bianca Bianco-IlMattino) Tra devozione e scetticismo. A Sperone sono in molti a volere credere al miracolo da quando, alcuni giorni fa, una lacrima di “sangue” è apparsa sulla foto della madonna di Medjugorije davanti ad un’abitazione di via dei Funari. Una storia che ha presto fatto il giro del paese e non solo, richiamando decine di fedeli che, con rispetto e senza fanatismi, anche solo per curiosità si affacciano dinanzi alla casa della signora Maria per osservare quel viso protetto da una teca di vetro e solcato da una macchia rossastra che si allunga sulla guancia destra della Madonna. Quell’edicola votiva è quanto di più prezioso l’anziana Maria, proprietaria dell’abitazione, custodisce: volti santi, statuinei, fotografie di persone care andate via troppo presto e al centro un’immagine della Madonna dal volto sereno e un alone azzurrino ritagliata con cura da un vecchio calendario, souvenir da una gita nella cittadina di Medjugorije conservato dal 2011 e diventato l’effigie più sacra del piccolo altare domestico della donna. Il racconto del miracolo, diventato in breve tempo di dominio pubblico nella piccola e unitissima comunità speronese, è semplice nella sua straordinarietà. Maria, che si occupa con cura ed amore della sua casetta, stava pulendo la piccola edicola votiva quando si è accorta che la Madonna “piangeva”. Una sola lunga lacrima che da poco sopra l’occhio destro scende fino al bordo della fotografia, dritta e di un colore marroncino che rimanda al sangue. Impossibile che quella macchia sia stata provocata da qualcuno, ha poi assicurato l’anziana: la bacheca è chiusa a chiave, nessuno l’avrebbe mai toccata o danneggiata e quella chiazza allungata si è formata dall’oggi al domani senza che se ne accorgesse o avesse il tempo di notare che stava comparendo dietro il vetro. L’episodio è avvenuto da alcuni giorni e nonostante la riservatezza di Maria si è trasformato in aneddoto popolare che attira sempre qualche curioso, ma soprattutto devoti, in via dei Funari. Persone che si informano, chiedono di conoscere i dettagli della storia ma soprattutto si fermano in preghiera per qualche minuto e poi vanno via. Nessuno parla ad alta voce di miracolo, ma molti si interrogano su come la lacrima sia comparsa su una foto conservata in una teca protetta da un vetro, curata e pulita tutti i giorni e tra immagini che non presentano screziature di alcun genere. La risposta dovrebbe darla la Curia di Nola, che, secondo quanto emerso nelle ultime ore, si è con discrezione interessata al caso senza però dare al momento segnali concreti. Si tratta di argomenti delicati, in cui la fede si intreccia con il naturale scetticismo dei laici. Nei prossimi giorni, se il fenomeno dovesse resistere, la madonnina potrebbe essere prelevata per analisi. Sino ad allora resterà il bene più sacro, il tesoro più prezioso della casetta di via dei Funari.


Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com