Tomba profanata nel cimitero di Sperone, la pista dei dissidi in famiglia

SPERONE- (IlMattino0) Dissidi familiari covati ed esplosi in una data simbolica. La soluzione del “giallo” della tomba profanata a Sperone è forse nascosta tra gli odi che possono covare anche in una famiglia normale. Proprietà divise in maniera non equa, presunti torti subiti quando il caro estinto era ancora in vita e poi l’astio alimentato dalle parole taciute o solo sussurrate. Alla fine la rabbia, tenuta dentro per troppo tempo, può esplodere anche con un gesto teatrale e spiazzante. Così si può spiegare quanto accaduto la mattina di Ognissanti a Sperone, nel cimitero che aveva appena aperto il suo ingresso per permettere agli utenti di completare la routine della ricorrenza dedicata ai defunti. Doveva essere una giornata di silenzio e memoria, ma è statafunestata dal triste ed eclatante episodio. Un episodio che è arrivato proprio poche ore dopo le notte delle streghe, Halloween, e per questo ha impressionato particolarmente la piccola comunità del Baianese. La ricostruzione di quanto avvenuto, affidata ai carabinieri che hanno ricevuto la denuncia di alcuni cittadini accortisi del misfatto, e basata sui rilievi e le testimonianze raccolte, vuole che chi ha agito lo abbia fatto non appena il cimitero è stato aperto e non prima, nella notte. Questo perché chi era addetto ai controlli dell’accensione delle luci eterne sarebbe passato di fronte ai loculi tra cui si trova la lapide danneggiata e non avrebbe notato nulla di strano. Erano le sei del mattino. Un’ora e mezza dopo le prime persone hanno iniziato i preparativi per il 2 novembre ed alcuni si sono accorti di quanto avvenuto ai danni della tomba di un 83enne morto lo scorso agosto: spray nero a coprire il nome, fotografia distrutta e fiori anneriti con lo spray. Un modo per “cancellare” il ricordo del povero defunto, incolpevole vittima di un gesto rabbioso e premeditato. Tutto porta alla pista dei dissidi tra familiari, anche perché nessuna altra lapide è stata toccata e non sono stati trovati segni di insoliti “riti”. Non potranno essere utili alle indagini le telecamere di videosorveglianza che in quella zona, a quanto pare, in quel momento non erano funzionanti. Ma forse non saranno nemmeno necessarie. La verità sulla profanazione della lapide nel cimitero di Sperone potrebbe nascondersi in una faida familiare.


Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com