Referendum taglio parlamentari, decisa la data: sarà il 29 marzo

Il Consiglio dei ministri, su proposta del presidente Giuseppe Conte, ha convenuto sulla data di domenica 29 marzo per l’indizione – con decreto del presidente della Repubblica – del referendum popolare sul testo di legge costituzionale che riduce il numero dei parlamentari. Lo ha comunicato Palazzo Chigi.

COSA PREVEDE LA LEGGE – La riforma costituzionale sul taglio dei parlamentari riduce i deputati da 630 a 400 e i senatori da 315 a 200. L’istituto dei senatori a vita è conservato fissandone a 5 il numero massimo (finora 5 era il numero massimo che ciascun presidente poteva nominare). Ridotti anche gli eletti all’estero: i deputati scendono da 12 a 8, i senatori da 6 a 4.

NESSUN QUORUM – A differenza dei referendum abrogativi, per la validità del referendum costituzionale non è obbligatorio che vada a votare la metà più uno degli elettori aventi diritto: la riforma costituzionale sottoposta a referendum non è promulgata se non è approvata dalla maggioranza dei voti validi, indipendente da quante persone si recano ai seggi.

Print Friendly, PDF & Email