Coronavirus, barbieri in attività a Napoli e Pompei: denunciati titolari e clienti

Stamattina gli agenti del commissariato di Pompei, durante il servizio di controllo del territorio, finalizzato anche a garantire il rispetto delle misure urgenti per la gestione dell’emergenza epidemiologica da coronavirus, hanno effettuato un controllo in via Lepanto a Pompei dove hanno riscontrato che un negozio di acconciature maschili, nonostante avesse l’ingresso principale regolarmente chiuso,  era in piena attività poiché aveva consentito ai clienti  l’accesso dal retro dell’edificio. Il titolare dell’esercizio commerciale, a cui è stata contestata la violazione amministrativa dell’obbligo di chiusura in ottemperanza alle prescrizioni del decreto anti contagio, è stato  denunciato ai sensi dell’articolo 650 del codice penale insieme a tre clienti sorpresi nel locale. Sempre stamattina, gli agenti del commissariato Chiaiano hanno scoperto in un garage nel complesso di case popolari di via Luigi Compagnone,  un “barbiere”  privo di qualunque autorizzazione ed  hanno denunciato un 60enne napoletano con precedenti di polizia per inottemperanza al decreto governativo.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online