L’Italia serrata per coronavirus: “Chiusi tutti i negozi, aperti alimentari e farmacie”

L’Italia chiude per coronavirus.  Il governo annuncia nuove misure restrittive per fronteggiare il contagio del covid 19.  “Per avere un riscontro effettivo di queste misure dovremo attendere un paio di settimane” ha spiegato il premier Giuseppe Conte elencando le nuove disposizioni:  “Chiudono parrucchieri, centri estetici e servizi di mensa.  Restano garantiti i servizi pubblici essenziali tra cui i trasporti e i servizi di pubblica utilità, nonchè delle attività accessorie. Chiudono i negozi, i bar, i pub e i ristoranti. Saranno chiusi i reparti aziendali che non sono indispensabili, le industrie potranno continuare con protocolli che evitino il contagio, con turni, ferie anticipate e altro. Le fabbriche resteranno dunque aperte ma “con misure di sicurezza”. “Dobbiamo limitare spostamenti per lavoro, salute o necessità” aggiunge ancora il premier. “Dobbiamo essere consapevoli che l’effetto di questo sforzo si vedrà tra poche settimane, un paio di settimane” evidenzia. “Dobbiamo continuare a limitare spostamenti a spesa, necessità e salute”. Il premier ha anche annunciato la nomina di Domenico Arcuri a commissario per le terapie intensive con “ampi poteri”. “Le vostre rinunce piccole e grandi stanno dando un grande contributo al Paese. Tutto il mondo ci guarda per i numeri del contagio, vedono un Paese in difficoltà. Ma ci apprezzano perché stiamo dando prova di rigore e di resistenza. Domani ci prenderanno come esempio positivo di un Paese che grazie al proprio senso di comunità è riuscito a vincere questa battaglia contro la pandemia”, prosegue. “Siamo quelli che stanno reagendo con maggior forza e con la massima precauzione, diventando un modello per tutti gli altri. Questa sfida riguarda la salute dei cittadini ma anche la tenuta della nostra economia, del nostro tessuto produttivo fatto di piccole e medie imprese. Finora abbiamo tenuto conto di tutti gli interessi in gioco. Ora -afferma- è il momento di compiere un passo in più, quello più importante” ha concluso Conte.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online